Sicurezza macchine

Lo staff Micro Style può offrire un completo o parziale supporto professionale ai Clienti in tutte le fasi del processo di Marcatura CE:

 

analisi dei rischi;

 

applicazione delle norme armonizzate;

 

fascicolo tecnico di costruzione

 

calcolo del performance level delle funzioni di sicurezza

 

prove di rumore

 

supporto informativo


Analisi e valutazione dei rischi

Una corretta valutazione dei rischi connessi all’installazione, all’uso ed alla manutenzione di una macchina/impianto rappresenta il primo e più importante passo per la progettazione e costruzione di macchine “sicure”. Micro Style ha sviluppato una metodologia di analisi dei possibili pericoli e di valutazione dei rischi derivanti, basata sull’applicazione delle Norme Armonizzate in vigore (EN ISO 12100, ISO TR 14121-2, EN ISO 13849-1, EN 62061) che razionalizza e semplifica la redazione del Documento Probatorio richiesto dalla Direttiva 2006/42/CE e che deve essere incluso nel Fascicolo Tecnico di Costruzione della macchina/impianto. Il metodo utilizzato (metodo ibrido secondo ISO TR 14121-2) è riconosciuto e approvato dai principali Organismi Notificati ed Enti di Sorveglianza del Mercato a livello internazionale.


Applicazione delle norme armonizzate

La Direttiva Macchina 2006/42/CE e la Guida all’applicazione della Direttiva fanno riferimento a varie Norme Europee Armonizzate (oltre 800) classificate come:

-

norme di Tipo A (valide per tutte le macchine) es. EN 12100 – Sicurezza del macchinario - Principi generali di progettazione - Valutazione del rischio e riduzione del rischio;

-

norme di Tipo B (valide per determinati aspetti di tutte le macchine) es. EN 60204-1 – Equipaggiamento Elettrico delle macchine;

-

norme di Tipo C (valide per specifiche categorie di macchine) es.:

o

EN 11111 per le macchine tessili;

o

EN 12417 (EN 16090) per i centri di lavoro a controllo numerico;

o

EN 23125 per i torni a controllo numerico;

o

EN ISO 16092-1 per le presse;

o

ecc;

L’applicazione rigorosa delle norme (in particolare delle norme di Tipo C) in vigore da parte del Costruttore contempla automaticamente la “Presunzione di Conformità alla Direttiva”.

La continua evoluzione delle norme rende tuttavia complicato per il Costruttore avere sempre la certezza che le norme applicate siano tuttora valide.

Micro Style tiene i propri Clienti costantemente informati sulle evoluzioni delle norme di loro pertinenza tramite note informative inviate direttamente o pubblicate nell’area news del sito Web www.microstyle.it.


Fascicolo tecnico di costruzione

In caso di contestazione da parte di un Ente di Sorveglianza del Mercato o in caso di incidente avvenuto durante l’installazione, l’uso o la manutenzione di una macchina, il Fascicolo Tecnico di Costruzione rappresenta il principale elemento probatorio per il Costruttore, purché riesca a dimostrare con dovizia di particolari che nelle fasi di progettazione e costruzione della macchina sono stati osservati, implementati e verificati tutti i Requisiti Essenziali di Sicurezza e Salute applicabili alla macchina in questione, tra quelli elencati nell’Allegato I alla Direttiva Macchina.

Il supporto Micro Style nella messa a punto del Fascicolo Tecnico è quindi focalizzato sulle argomentazioni che dimostrino come ogni RESS applicabile sia stato effettivamente soddisfatto, indicando gli opportuni riferimenti ai paragrafi ed alle clausole specifiche delle varie Norme Armonizzate adottate.

Ovviamente il supporto Micro Style include anche altre attività fondamentali quali:

-

La verifica di correttezza formale delle Dichiarazioni di Conformità o di Incorporazione dei gruppi/componenti di acquisizione esterna, integrati nella macchina o nell’impianto del Costruttore. Spesso questo aspetto viene trascurato con conseguente implicito “concorso di colpa”, in caso di dichiarazioni formalmente errate o non veritiere.

-

La verifica di conformità della macchina/impianto ai requisiti di Sicurezza Elettrica (norma EN 60204-1) e di Compatibilità Elettromagnetica (Direttiva 2014/30/UE).

-

Le eventuali implicazioni PED (Attrezzatura in Pressione) e/o ATEX (zone a rischio di esplosione)


Calcolo del performance level delle funzioni di sicurezza

La Norma Armonizzata EN ISO 13849-1:2015 prescrive un complesso insieme di regole e metodologie per la scelta e la progettazione dei sistemi di comando legati alla sicurezza:

-

circuiti di emergenza

-

circuiti di interblocco dei ripari mobili

-

barriere immateriali

-

prevenzione degli avviamenti inattesi

-

ecc.

Rispetto alla norma precedente (EN 954-1) che prescriveva solo una valutazione quantitativa delle soluzioni da adottare (Categoria della componentistica utilizzata), la nuova norma (EN 13849-1) prescrive sia una valutazione quantitativa (categoria) che una valutazione qualitativa (Performance Level) per le varie funzioni di sicurezza. La complessità dei calcoli e delle formule matematiche da applicare per la scelta del Performance Level appropriato, hanno spinto alcuni Costruttori (es. Siemens, Pilz) a sviluppare dei software proprietari per facilitare tali calcoli. Nel contempo, l’organizzazione tedesca IFA (equivalente INAIL in Italia), ha sviluppato un software applicativo (scaricabile gratuitamente da Internet) denominato SISTEMA (Safety Integrity Software Tool for Evaluation of Machinery Application).

Tale software si è rapidamente affermato come standard “De facto” per una serie di motivi:

-

credibilità e ruolo “Super Partes” dell’organizzazione IFA

-

disponibilità di una ricca libreria di componenti di sicurezza con i relativi parametri di affidabilità messi a disposizione da quasi tutti i fornitori di componenti di sicurezza

-

rapporti professionali e completi forniti dal programma che dimostrano la rispondenza ai requisiti di sicurezza richiesti (Performance Level)